Comprare Tè


Ricevete la newsletter.

Personaggi famosi nel mondo del tè

La Sala da tè Babingtons fin dall’apertura nel 1893 ha servito i suoi tè pregiati a famiglie reali e personaggi del mondo della cultura, del giornalismo, della politica  e del jet set internazionale. Tenendo fede all’abitudine tutta inglese della discrezione e del rispetto della privacy, che da sempre ha connotato i nostro modo di operare, non parleremo dei nostri clienti, bensì vi presentiamo alcuni grandi personaggi che hanno lasciato una traccia nella storia e nel mondo del tè.

L’imperatore cinese Shen Nung

La leggenda racconta che l’imperatore avesse ordinato ai suoi servitori di bollire sempre l’acqua che beveva. Un giorno durante un lungo viaggio, l’imperatore e il suo esercito si fermarono per riposare vicino ad una pianta di tè. Una foglia di questa pianta cadde nell’acqua che un servitore aveva messo a bollire e l’acqua si colorò di un bel colore ambrato. L’imperatore bevve l’acqua e la trovò estremamente rinfrescante e rinvigorente. Così nel 2737 a.C  fu scoperto il Cha (tè).

Caterina di Braganza

Caterina Henriqueta (1638 – 1705), consorte di re Carlo II d’Inghilterra, sposandosi aveva portato con sé dal Portogallo in dote anche la sua bevanda preferita: il tè. Regina consorte d’Inghilterra, Scozia e Irlanda dal 1662 al 1685, fu lei infatti ad "importare” per prima l’abitudine di bere il tè in Gran Bretagna, consuetudine invece molto in voga tra l’aristocrazia portoghese. Queens, un distretto di New York City è intitolato a Caterina di Braganza.

La Duchessa di Bedford

Anna Maria Stanhope (1783-1857), Duchessa di Bedford, è considerata l’inventrice dell’afternoon tea. Poiché il  lasso di tempo tra il pranzo e la cena durante il periodo estivo era estremamente lungo,  a metà pomeriggio la Duchessa accusava un "certo languorino” e si faceva portare in camera, nel suo castello a Belvoir, tè e qualche avanzo del pranzo. 
E facendo sua la moda d’oltremanica iniziò ad invitare qualche amica. 

Il menù venne ben presto arricchito e accanto al pane e burro venivano serviti sandwiches, dolci, torte e naturalmente tè. 
Rientrando dalla sua permanenza in campagna la Duchessa portò con sé questa buona abitudine a Londra, dove invitava le sue ospiti a prendere il tè e a passeggiare nei prati. Così l’abitudine di invitare qualche amica e stuzzicare piccoli sandwiches accompagnati da una tazza di tè divenne la moda più "in” del momento. 

Il Conte Grey

Il conte Charles Grey, (1764 – 1845) fu Primo Ministro del Regno Unito dal 1830 al 1834,  periodo durante il quale si battè fortemente per la Riforma del 1832. La leggenda vuole che al Conte fu regalato da un mandarino cinese un tè nero con olio di bergamotto, da cui il nome del tè Earl Grey. 

Albert Einstein

Albert Einstein (1879-1955), scienziato  tedesco noto per la sua teoria della relatività, ha anche scritto uno studio intitolato "il paradosso della foglie di tè” in cui descrive il fenomeno per cui le foglie di tè migrano verso il centro del fondo della tazzina dopo essere state mescolate anziché andare verso il bordo esterno, seguendo la forza centrifuga. 


Questo fenomeno è stato utilizzato per mettere a punto una nuova tecnica che permettesse di separare le cellule del sangue dal plasma,  per capire il sistema della pressione atmosferica e nella produzione della birra per separare il sedimento nella centrifuga.